Archivio | photography RSS for this section

Tre giorni valtellina 2014: tel giuuuri, il Dahu esiste davvero!

Difficile trovare parole non banali per descrivere questa Tre Giorni 2014. Un capolavoro di gioia e di amicizia prima di tutto. 400 partenti sono un record ma chi non c’è stato non può capire.

Qui c’è il trial e c’è l’amicizia. Qui ci sono persone che da anni tornano per stare insieme e tanti, veramente tanti, che arrivano dopo aver visto negli occhi di chi ha partecipato una soddisfazione ed una gioia incredibile.

E’ stato davvero divertente ed emozionante … ho conosciuto tante persone nuove, ascoltato racconti di vita e portato a casa tantissimo anche questa volta.

Ringrazio gli amici con cui ho passato giornate indimenticabili e con cui ho riso come da tanto non mi succedeva.

Per me questa Tre Giorni è stata veramente importante.

Grazie Cassio per avermi portato qui … lo sai che ti sono riconoscente per questo.

Grazie a Gionata perchè senza di te, la tua capacità e la tua ostinazione tutto questo oggi non ci sarebbe.

Grazie a Toni, Toppi, Silvano, Roberto, Andrea, compagni meravigliosi lungo i sentieri.

Grazie a Giancarlo (Bonzo) per essere una persona speciale e per avermi fatto conoscere il Dahu … prometto che diffonderò il verbo!

Grazie a tutti i compagni di viaggio … ancora una volta insieme, ancora una volta da RECORD …. tel giuuuuri!!!!!

P.S. In bocca al lupo Silvano … il prossimo anno vediamo chi fa la Forcola con meno piedi 😛

tre giorni valtellina 2014 - pronti a partire

tre giorni valtellina 2014 – pronti a partire

tre giorni valtellina 2014 - benvenuti in Valtellina

tre giorni valtellina 2014 – benvenuti in Valtellina

tre giorni valtellina 2014 - sulla vecchia strada della frana

tre giorni valtellina 2014 – sulla vecchia strada della frana

tre giorni valtellina 2014 - Cepina

tre giorni valtellina 2014 – Cepina

tre giorni valtellina 2014 - arrivo a Bormio

tre giorni valtellina 2014 – arrivo a Bormio

tre giorni valtellina 2014 - ancora una volta insieme

tre giorni valtellina 2014 – ancora una volta insieme

tre giorni valtellina 2014 - montesa riposa nella neve

tre giorni valtellina 2014 – montesa riposa nella neve

tre giorni valtellina 2014 - felice :)

tre giorni valtellina 2014 – felice 🙂

tre giorni valtellina 2014 - Bormio 3000

tre giorni valtellina 2014 – Bormio 3000

tre giorni valtellina 2014 - Santa Caterina

tre giorni valtellina 2014 – Santa Caterina

tre giorni valtellina 2014 - Rifugio Restelli

tre giorni valtellina 2014 – Rifugio Restelli

tre giorni valtellina 2014 - in mezzo alle nuvole

tre giorni valtellina 2014 – in mezzo alle nuvole

tre giorni valtellina 2014 - in mezzo alle nuvole

tre giorni valtellina 2014 – in mezzo alle nuvole

tre giorni valtellina 2014 - in cima alla forcola

tre giorni valtellina 2014 – in cima alla forcola

tre giorni valtellina 2014 - sentiero bellissimo

tre giorni valtellina 2014 – sentiero bellissimo

tre giorni valtellina 2014 - sempre più alti

tre giorni valtellina 2014 – sempre più alti

tre giorni valtellina 2014 - bello caldo stamattina

tre giorni valtellina 2014 – bello caldo stamattina

tre giorni valtellina 2014 - Bormio piccola piccola

tre giorni valtellina 2014 – Bormio piccola piccola

tre giorni valtellina 2014 - sul tetto del mondo

tre giorni valtellina 2014 – sul tetto del mondo

tre giorni valtellina 2014 - festa

tre giorni valtellina 2014 – festa

tre giorni valtellina 2014 - i miei simpatici compagni di stanza

tre giorni valtellina 2014 – i miei simpatici compagni di stanza

Annunci

Tre giorni valtellina 2013: fuckin’ hard work for fuckin’ hard men!

Ragazzi, non ho molta voglia di scrivere un “post” pensato … sono appena rientrato da Bormio e sono nel solito stato confusionale. Un po’ stanco, un po’ “triste” perchè è già finita, un po’ frastornato dal rumore del contesto urbano in cui mi trovo. Mi giro e mi mancano le montagne, mi mancano le nuvole, mi mancano le risate, gli sguardi di intesa con cui per tre giorni abbiamo fatto girare tutto a perfezione. Mi giro e vedo le pareti, le macchine, la gente a testa bassa immersa nella quotidianità.

Mi ci vorrà un po’, come al solito.

Intanto ho appena finito di preparare le foto per il sito valtellinatrial.it e mi sono rituffato per qualche ora nella Tre Giorni 2013.

Ho passato ancora una volta tre giorni meravigliosi in compagnia di AMICI speciali. Persone semplici, oneste, testarde, determinate … trialisti veri insomma e con loro ho potuto godere di un trial vero, sano, duro, speciale!

Grazie ragazzi, ho fatto una bella scorta di emozioni.

Di seguito un po’ di immagini scattate con il telefono in questi giorni … per le foto “ufficiali” vi rimando al sito e al racconto di Silvano su mototrial.it

Un ringraziamento speciale a Nobili Gierri Riciard per le notti in bianco allietate dal suono del suo russare melodioso! Mi mancherà parecchio! (te possino!!!!!! :))

Adesso sotto con il 2014 … sempre più in alto 🙂

arrivo a Bormio

arrivo a Bormio

la forcola ... una faticata

la forcola … una faticata

ultime curve della forcola

ultime curve della forcola

passo forcola 2208 mt.

passo forcola 2208 mt.

sotto al temporale

sotto al temporale

montesa in posa

montesa in posa

natura incontaminata

natura incontaminata

freschino da queste parti

freschino da queste parti

salendo a 3000 mt - Bormio

salendo a 3000 mt – Bormio

lasciatemi qui ... non voglio più tornare

lasciatemi qui … non voglio più tornare

incontri salendo a 300 mt

incontri salendo a 300 mt

Bormio 3000

Bormio 3000

la mia zona del sabato

la mia zona del sabato

meraviglia

meraviglia

la frana sopra Cepina

la frana sopra Cepina

Crus de l'alp

Crus de l’alp

benedizione in quota

benedizione in quota

visioni da stanchezza

visioni da stanchezza

hard della domenica

hard della domenica

arrivati in paradiso

arrivati in paradiso

vista sui laghi di Cancano

vista sui laghi di Cancano

auguri Gionata

auguri Gionata

Le conseguenze …

le conseguenze

le conseguenze

… si pagano!

Fotografia still life con iPhone

So quello che state pensando … ecco un’altro articolo che ci mostra come sia possibile utilizzare il celebratissimo iPhone per fare fotografie professionali. Lo abbiamo visto impiegato in foto di moda, in reportage africani e persino in un dibattuto reportage dal fronte .

Beh … vi sbagliate. Seguite questo post e scoprite perchè.
step 1: il problema

I pezzi da fotografare

Mi sono trovato a dover scattare delle fotografie per un catalogo. E fin qui nulla di sconvolgente. Se non che gli oggetti da fotografare avevano una dimensione decisamente “scomoda” da gestire. Parliamo di oggettini metallici delle dimensioni massime di 2/3 cm.

Dove sta il problema dite? Il problema è che queste foto come al solito erano urgentissime e che, sfiga vuole, mi ritrovassi sguarnito di lenti adatte e di tempo per recuperarne.

step 2: i tentativi

Ho fatto qualche test ma l’idea di usare la lente sbagliata e di lavorare su dei “miseri” crop di immagine non mi piaceva assolutamente.

step 3: l’idea

gli strumenti utilizzati

E se per fotografare un oggetto piccolo riproducessi un set piccolo? Disponevo di una compattona da 10 megapixel e con un “potente” macro e mi occorreva una luce bella, omogenea e “decisa”. BINGO!

Avete presente quanto illumina uno schermo di un iPhone (usando una delle tante App stile “torcia) a pochi cmq di distanza? Bene … ve lo dico io … basta e avanza!


il set in opera

step 4: il set

Con il cervello settato in modalità “Lilliput” mi son messo a costruire (anche se visto il risultato è un po’ ridicolo come termine) il set … le solite cose:


foto dell'iPhone e del set

  • una stanza buia
  • un piano ed uno sfondo
  • cavalletto
  • macchina fotografica
  • polistiroli per riflettere e schermare
  • e un bel bank per illuminare …

il tutto in proporzioni Zeta la formica.

Come in tutte le cose, una volta fatti un po’ di esperimenti e di tarature, gli scatti sono andati via liscissimi (mai allestito un set con questa rapidità) e le idee hanno cominciato a nascere una in fila all’altra … per esempio provate ad utilizzare il vostro iPhone per fare un po’ di light painting … o prendete 2 iPhone e un iPod Touch e “giocate” con 3 fonti luminose, regolabili in intensità e in colore …

Beh … vi lascio immaginare quali sono le possibilità!

Una bella esperienza quindi che voglio condividere e che, sono sicuro, potrà aprire la strada a nuovi interessanti esperimenti (vogliamo parlare di quando proverò ad usare l’iPad per oggetti un po’ + grandi? ;))

step 5: l’inconveniente

Chiudo questo post ponendo l’attenzione sull’unico inconveniente di questo sistema (giuro che è capitato) … nel bel mezzo degli scatti ha chiamato un cliente … ho dovuto “smontare” il set, rispondere facendo finta di nulla (della serie “dica pure … non mi disturba affatto” LOL) e al termine della chiamata ripristinare il tutto per continuare a scattare.

26 gigapixel sono tanti … ma tanti tanti … provare per credere!

26 gigapixel puntati su parigi

26 gigapixel puntati su parigi

La corsa ai megapixel che ha visto darsi battaglia tutti i marchi più autorevoli è una gran bufala del mercato, orchestrata per programmare al “meglio” la vita del prodotto macchina fotografica, secondo le vigenti e vomitevoli logiche di quello che molti chiamano marketing.

Polemica a parte (è una cosa che mi fa molto girare le palle) i megapixel non sono il male assoluto anzi, come al solito la tecnologia se ben utilizzata e quando serve può rivelarsi veramente rivoluzionaria.

Ed è questo il caso di questa immagine di Parigi, ottenuta attraverso l’unione di 2346 immagini in altissima risoluzione, ben 26 gigapixel, che ci mostra una vista su Parigi mai immaginata prima. Provare per credere!

Si può avere una panoramica dell’intera città ripresa dall’alto e arrivare ad un dettaglio di zoom veramente impressionante.

Curioso anche seguire il “making of” sul blog del progetto.

Mi ricorda un po’ l’immagine di 100 metri postata qualche tempo fa …

HOME project by Yann Arthus-Bertrand

Home by Yann Arthus - Bertrand

Home by Yann Arthus - Bertrand

“Stiamo vivendo un momento eccezionale. Gli scienziati ci dicono che abbiamo 10 anni per cambiare il nostro modo di vivere, scongiurare l’esaurimento delle risorse naturali e le evoluzioni catastrofiche del clima della Terra.”

Non sono impazzito e non mi sono dato al terrorismo psicologico. Voglio soltanto segnalare un progetto molto interessante sia dal punto di vista “concettuale” (ma lascio a voi il giudizio) che dal punto di vista della qualità di realizzazione.

Home è il nome, molto azzeccato, del film realizzato da Yann Arthus – Bertrand, uno staordinario (a mio modo di vedere) personaggio che ha scelto la fotografia per raccontare il mondo … dall’alto. Grazie alla sua passione per le mongolfiere ha sperimentato la fotografia aerea riuscendo a realizzare immagini indescrivibili per bellezza ed emozioni.

Ma torniamo ad Home. Home è un film in cui traspare senza la minima sbavatura la mano di Yann Arthus – Bertrand.

Guardare per credere: è disponibile un’anteprima (mettetevi comodi e accendete le casse) di questo lavoro sul canale di YouTube.

Penso che ne sentiremo parlare … intanto rifatevi gli occhi!

Photoshow 2009 – Milano

untitled_panorama2_2

30 marzo 2009 – milano

Il Phostoshow è una manifestazione che si svolge da qualche anno in italia e riguarda il mondo della fotografia a tutto tondo.

img_0129

30 marzo 2009 – photoshow 2009

Avevo già visitato la fiera due anni fa (si svolge un anno a milano e un anno a roma) e devo dire che sono rimasto un po’ (parecchio) deluso.

untitled_panorama3_2

30 marzo 2009 – photoshow 2009

Sono passati due anni e, vuoi che di soldi non ce ne sono molti in giro, vuoi la politica di marketing suicida adottata dai produttori negli ultimi anni e che ancora non sembrano voler abbandonare, il tono del Photoshow 2009 è stato a mio modo di vedere parecchio “basso”. Le solite cose un po’ slavate, una fiera moooolto commerciale (ma questo si sapeva già) e un po’ di mosciume anche da parte degli operatori presenti.

untitled_panorama4_2

30 marzo 2009 – photoshow 2009

Ma vabbè … dato che è qui a due passi ho deciso di passarci una mattinata (di + non mi sembrava il caso).

img_0141

30 marzo 2009 – photoshow 2009

Ho subito fatto un “affare” … ingresso fiera con coupon 1€ (fico dico … alla fine con 1€ giochicchio un po’ con i gioielli canon e finalmente tocco con mano la 5D MarkII ) + 3€ per lasciare la giacca (sono un pirla non l’ho lasciata in macchina) + 3€ per una bottiglietta di cocacola (sono doppiamente pirla) + 13€ per mezza giornata di parcheggio (anche qui sono un po’ pirla ma non è facilissimo parcheggiare intorno alla fiera) … insomma … mettici un panino e la benzina e l’operazione “Photoshow 09” diventa immediatamente sconveniente.

img_0138

30 marzo 2009 – photoshow 2009

Per fortuna ero in piacevole compagnia dell’amico Johnny che mi ha tenuto a bada per tutto il giorno. Sono un po’ in carenza di sonno nell’ultimo periodo e da solo avrei rischiato di disperdermi per i (2) padiglioni.

img_0128

30 marzo 2009 – photoshow 2009

A corredo di questo post qualche foto scattata qua e la per la fiera con il mio sigma 10-20 e qualche panoramica sempre con lo stesso obiettivo).

img_0125

30 marzo 2009 – photoshow 2009

Divertende come al solito il “set” nello stand Canon con la modella presa d’assalto dalla folla di “fotografi”

img_0122

30 marzo 2009 – photoshow 2009

Nulla in confronto a quanto accade il sabato e la domenica ma è sempre divertente.

img_0117

30 marzo 2009 – photoshow 2009

Appuntamento quindi al 2011? mmmm … non so … ho un po’ di tempo per pensarci 😉

img_0126

30 marzo 2009 – photoshow 2009

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: