Archive | Fotografia RSS for this section

Tre giorni valtellina 2014: tel giuuuri, il Dahu esiste davvero!

Difficile trovare parole non banali per descrivere questa Tre Giorni 2014. Un capolavoro di gioia e di amicizia prima di tutto. 400 partenti sono un record ma chi non c’è stato non può capire.

Qui c’è il trial e c’è l’amicizia. Qui ci sono persone che da anni tornano per stare insieme e tanti, veramente tanti, che arrivano dopo aver visto negli occhi di chi ha partecipato una soddisfazione ed una gioia incredibile.

E’ stato davvero divertente ed emozionante … ho conosciuto tante persone nuove, ascoltato racconti di vita e portato a casa tantissimo anche questa volta.

Ringrazio gli amici con cui ho passato giornate indimenticabili e con cui ho riso come da tanto non mi succedeva.

Per me questa Tre Giorni è stata veramente importante.

Grazie Cassio per avermi portato qui … lo sai che ti sono riconoscente per questo.

Grazie a Gionata perchè senza di te, la tua capacità e la tua ostinazione tutto questo oggi non ci sarebbe.

Grazie a Toni, Toppi, Silvano, Roberto, Andrea, compagni meravigliosi lungo i sentieri.

Grazie a Giancarlo (Bonzo) per essere una persona speciale e per avermi fatto conoscere il Dahu … prometto che diffonderò il verbo!

Grazie a tutti i compagni di viaggio … ancora una volta insieme, ancora una volta da RECORD …. tel giuuuuri!!!!!

P.S. In bocca al lupo Silvano … il prossimo anno vediamo chi fa la Forcola con meno piedi 😛

tre giorni valtellina 2014 - pronti a partire

tre giorni valtellina 2014 – pronti a partire

tre giorni valtellina 2014 - benvenuti in Valtellina

tre giorni valtellina 2014 – benvenuti in Valtellina

tre giorni valtellina 2014 - sulla vecchia strada della frana

tre giorni valtellina 2014 – sulla vecchia strada della frana

tre giorni valtellina 2014 - Cepina

tre giorni valtellina 2014 – Cepina

tre giorni valtellina 2014 - arrivo a Bormio

tre giorni valtellina 2014 – arrivo a Bormio

tre giorni valtellina 2014 - ancora una volta insieme

tre giorni valtellina 2014 – ancora una volta insieme

tre giorni valtellina 2014 - montesa riposa nella neve

tre giorni valtellina 2014 – montesa riposa nella neve

tre giorni valtellina 2014 - felice :)

tre giorni valtellina 2014 – felice 🙂

tre giorni valtellina 2014 - Bormio 3000

tre giorni valtellina 2014 – Bormio 3000

tre giorni valtellina 2014 - Santa Caterina

tre giorni valtellina 2014 – Santa Caterina

tre giorni valtellina 2014 - Rifugio Restelli

tre giorni valtellina 2014 – Rifugio Restelli

tre giorni valtellina 2014 - in mezzo alle nuvole

tre giorni valtellina 2014 – in mezzo alle nuvole

tre giorni valtellina 2014 - in mezzo alle nuvole

tre giorni valtellina 2014 – in mezzo alle nuvole

tre giorni valtellina 2014 - in cima alla forcola

tre giorni valtellina 2014 – in cima alla forcola

tre giorni valtellina 2014 - sentiero bellissimo

tre giorni valtellina 2014 – sentiero bellissimo

tre giorni valtellina 2014 - sempre più alti

tre giorni valtellina 2014 – sempre più alti

tre giorni valtellina 2014 - bello caldo stamattina

tre giorni valtellina 2014 – bello caldo stamattina

tre giorni valtellina 2014 - Bormio piccola piccola

tre giorni valtellina 2014 – Bormio piccola piccola

tre giorni valtellina 2014 - sul tetto del mondo

tre giorni valtellina 2014 – sul tetto del mondo

tre giorni valtellina 2014 - festa

tre giorni valtellina 2014 – festa

tre giorni valtellina 2014 - i miei simpatici compagni di stanza

tre giorni valtellina 2014 – i miei simpatici compagni di stanza

Tre giorni valtellina 2013: fuckin’ hard work for fuckin’ hard men!

Ragazzi, non ho molta voglia di scrivere un “post” pensato … sono appena rientrato da Bormio e sono nel solito stato confusionale. Un po’ stanco, un po’ “triste” perchè è già finita, un po’ frastornato dal rumore del contesto urbano in cui mi trovo. Mi giro e mi mancano le montagne, mi mancano le nuvole, mi mancano le risate, gli sguardi di intesa con cui per tre giorni abbiamo fatto girare tutto a perfezione. Mi giro e vedo le pareti, le macchine, la gente a testa bassa immersa nella quotidianità.

Mi ci vorrà un po’, come al solito.

Intanto ho appena finito di preparare le foto per il sito valtellinatrial.it e mi sono rituffato per qualche ora nella Tre Giorni 2013.

Ho passato ancora una volta tre giorni meravigliosi in compagnia di AMICI speciali. Persone semplici, oneste, testarde, determinate … trialisti veri insomma e con loro ho potuto godere di un trial vero, sano, duro, speciale!

Grazie ragazzi, ho fatto una bella scorta di emozioni.

Di seguito un po’ di immagini scattate con il telefono in questi giorni … per le foto “ufficiali” vi rimando al sito e al racconto di Silvano su mototrial.it

Un ringraziamento speciale a Nobili Gierri Riciard per le notti in bianco allietate dal suono del suo russare melodioso! Mi mancherà parecchio! (te possino!!!!!! :))

Adesso sotto con il 2014 … sempre più in alto 🙂

arrivo a Bormio

arrivo a Bormio

la forcola ... una faticata

la forcola … una faticata

ultime curve della forcola

ultime curve della forcola

passo forcola 2208 mt.

passo forcola 2208 mt.

sotto al temporale

sotto al temporale

montesa in posa

montesa in posa

natura incontaminata

natura incontaminata

freschino da queste parti

freschino da queste parti

salendo a 3000 mt - Bormio

salendo a 3000 mt – Bormio

lasciatemi qui ... non voglio più tornare

lasciatemi qui … non voglio più tornare

incontri salendo a 300 mt

incontri salendo a 300 mt

Bormio 3000

Bormio 3000

la mia zona del sabato

la mia zona del sabato

meraviglia

meraviglia

la frana sopra Cepina

la frana sopra Cepina

Crus de l'alp

Crus de l’alp

benedizione in quota

benedizione in quota

visioni da stanchezza

visioni da stanchezza

hard della domenica

hard della domenica

arrivati in paradiso

arrivati in paradiso

vista sui laghi di Cancano

vista sui laghi di Cancano

auguri Gionata

auguri Gionata

La meraviglia …

sorelle - luglio 2012 - valsassina

sorelle – luglio 2012 – valsassina

sorelle – luglio 2012 – valsassina

Bentornato Piccolo Principe …

Piccolo Principe

Piccolo Principe

Quanto tempo è passato … ci è voluto un po’ per ritrovarti. Le nostre strade si sono per troppo tempo separate, anche se tu sei sempre stato li accanto a me. Non ho saputo ascoltarti e guardarti negli occhi … in quegli occhietti vispi, bouni e dispettosi … ma ora sei tornato e ne vedremo delle belle insieme! 🙂

 

Le conseguenze …

le conseguenze

le conseguenze

… si pagano!

Autunno … autunno? … autunno!

il mio autunno

il mio autunno

E come al solito il quotidiano mi assorbe al 200% e mi passa il tempo veloce e inconsapevole (e ciò e male, anzi … è molto male!). Il periodo è decisamente intenso e non lascia spazio a molte divagazioni. Così mi accorgo che è autunno, che i colori stanno cambiando, che la mia giacca ed il mio guardaroba non sono più adeguati alle temperature (ma non ho avuto il problema opposto “solo qualche settimana fa” con la primavera? :() e che io sono sempre rintanato davanti al monitor con la mia tazza di “finto caffè” bollente.

Ma l’entusiasmo non cala, anzi, aumenta giorno dopo giorno e nonostante i problemi la voglia di andare e di dar forma alle cose cresce costantemente (e ciò e bene, anzi … è molto bene!).

Sono arrivate anche un paio di ottiche nuove nella borsaccia da “fotografo” … due acquisti compulsivi (uno dettato dall’esigenza in realtà e l’altro dalla golosità) che vorrei presto “recensire” su queste pagine. O meglio … vorrei parlarne per quello che è il mio grado di utilizzo.

Vediamo se il prossimo post arriverà presto o se sarà qualcosa del tipo “Inverno … inverno? … inverno!” … 🙂

Fotografia still life con iPhone

So quello che state pensando … ecco un’altro articolo che ci mostra come sia possibile utilizzare il celebratissimo iPhone per fare fotografie professionali. Lo abbiamo visto impiegato in foto di moda, in reportage africani e persino in un dibattuto reportage dal fronte .

Beh … vi sbagliate. Seguite questo post e scoprite perchè.
step 1: il problema

I pezzi da fotografare

Mi sono trovato a dover scattare delle fotografie per un catalogo. E fin qui nulla di sconvolgente. Se non che gli oggetti da fotografare avevano una dimensione decisamente “scomoda” da gestire. Parliamo di oggettini metallici delle dimensioni massime di 2/3 cm.

Dove sta il problema dite? Il problema è che queste foto come al solito erano urgentissime e che, sfiga vuole, mi ritrovassi sguarnito di lenti adatte e di tempo per recuperarne.

step 2: i tentativi

Ho fatto qualche test ma l’idea di usare la lente sbagliata e di lavorare su dei “miseri” crop di immagine non mi piaceva assolutamente.

step 3: l’idea

gli strumenti utilizzati

E se per fotografare un oggetto piccolo riproducessi un set piccolo? Disponevo di una compattona da 10 megapixel e con un “potente” macro e mi occorreva una luce bella, omogenea e “decisa”. BINGO!

Avete presente quanto illumina uno schermo di un iPhone (usando una delle tante App stile “torcia) a pochi cmq di distanza? Bene … ve lo dico io … basta e avanza!


il set in opera

step 4: il set

Con il cervello settato in modalità “Lilliput” mi son messo a costruire (anche se visto il risultato è un po’ ridicolo come termine) il set … le solite cose:


foto dell'iPhone e del set

  • una stanza buia
  • un piano ed uno sfondo
  • cavalletto
  • macchina fotografica
  • polistiroli per riflettere e schermare
  • e un bel bank per illuminare …

il tutto in proporzioni Zeta la formica.

Come in tutte le cose, una volta fatti un po’ di esperimenti e di tarature, gli scatti sono andati via liscissimi (mai allestito un set con questa rapidità) e le idee hanno cominciato a nascere una in fila all’altra … per esempio provate ad utilizzare il vostro iPhone per fare un po’ di light painting … o prendete 2 iPhone e un iPod Touch e “giocate” con 3 fonti luminose, regolabili in intensità e in colore …

Beh … vi lascio immaginare quali sono le possibilità!

Una bella esperienza quindi che voglio condividere e che, sono sicuro, potrà aprire la strada a nuovi interessanti esperimenti (vogliamo parlare di quando proverò ad usare l’iPad per oggetti un po’ + grandi? ;))

step 5: l’inconveniente

Chiudo questo post ponendo l’attenzione sull’unico inconveniente di questo sistema (giuro che è capitato) … nel bel mezzo degli scatti ha chiamato un cliente … ho dovuto “smontare” il set, rispondere facendo finta di nulla (della serie “dica pure … non mi disturba affatto” LOL) e al termine della chiamata ripristinare il tutto per continuare a scattare.

Stefano Giogli è il vincitore del Premio Si Fest/Porfrolio 2010

Stefano Giogli è il vincitore del Premio Si Fest/Porfrolio 2010

Ricevo e pubblico il comunicato stampa relativo ai risultati del Premio Si Fest/Portfolio. Per maggiori info www.savignanoimmagini.it (scusate ma vado di fretta :))

——————————————-


Stefano Giogli
(45 anni, Città di Castello – PG) con un portfolio dal titolo “L’unico a essere diverso eri tu” sul tema dell’adolescenza è il vincitore del Premio Si Fest/Portfolio 2010.

Si sono svolte ieri allo Spazio Incontri dell’Accademia dei Filopatridi le premiazioni della 19^ edizione del Savignano Immagini Festival, la tre giorni di fotografia le cui suggestioni saranno ancora presenti a Savignano sul Rubicone dove le mostre resteranno visibili fino al 3 ottobre 2010.

Il Si Fest 19 ha conferito il Premio SI FEST/Portfolio 10 al migliore portfolio tra quelli segnalati dai 34 esperti che nel corso delle giornate di festival hanno effettuato circa 400 letture, incontrando 130 fotografi. A queste vanno aggiunte le letture effettuate dall’Agenzia Parallelozero che ha selezionato portfoli per la sua nuova sezione Nominees Photographers (i fotogiornalisti individuati avranno un contratto di un anno con l’agenzia).

“Questo lavoro – ha detto Stefano Giogli – è nato come sfida. Volevo smitizzare l’idea negativa che si vuole dare degli adolescenti come disinteressati, tutti uguali, senza aspirazioni o sogni. Non è così”. Questa la motivazione della giuria: “Per la freschezza e l’originalità con cui l’autore ha trattato il tema dell’adolescenza. Nella serialità del lavoro colpisce la capacità con cui Giogli ha raccontato la diversa personalità dei ragazzi rappresentanti nei loro ambienti”.

Nella serata conclusiva sono stati assegnati anche gli altri due premi in palio: il premio Formazione è stato conferito a Simone Cerio (27 anni, Pescara) per il suo lavoro dal titolo ME FAL, sulla realtà di molte comunità albanesi ancora oggi sottoposte alle leggi tribali del Kanun, antico codice fondato sul diritto alla vendetta. Motivazioni della giuria: “Per la coerenza con cui l’autore è riuscito a rappresentare una storia poco nota di un paese vicino a noi geograficamente ma lontano culturalmente. La scelta stilistica contribuisce a restituirci la drammaticità di una situazione in cui ancora oggi vivono migliaia di persone”.

Continua a leggere…

FOTOGRAFIA: PARLIAMONE!: Mario Iovino: Al fronte senza iPhone

Stamattina mi sono imbattutto in questo post sul blog di Sandro Iovine

Lo spunto viene da un altro post in cui si parla di un reportage fatto da David Guttenfelder in Afghanistan con un iPhone e pubblicato su Internazionale.

Accendete il cervello e date un’occhiata … le parole di Iovine come sempre sono in grado di stuzzicare testa e cuore e le immagini ed il racconto di Mario Iovino nel filmato fanno pensare!

FOTOGRAFIA: PARLIAMONE!: Mario Iovino: Al fronte senza iPhone.

SAVIGNANOIMMAGINI FESTIVAL 2010

savignanoimmagini festival 2010

locandina ufficiale SAVIGNANOIMMAGINI FESTIVAL 2010

Ricevo e pubblico volentieri il comunicato stampa del “SAVIGNANOIMMAGINI FESTIVAL 2010” , un’ occasione ghiotta per chi vuole immergersi nella fotografia e vivere per 3 giorni un appuntamento di spessore giunto alla su diciannovesima edizione.

Di seguito tutti i dettagli.

Sarà presente anche Cesare Cicardini con Le Forme dell’invisibile, progetto di cui ho già parlato e che vi invito nuovamente ad approfondire 🙂

Per chi fosse interessato segnalo anche l’immancabile profilo facebook , con anticipazioni, discussioni e tutto ciò che ruota attorno all’evento.

Stay tuned 🙂

———————————————————————-
SI FEST
SAVIGNANO IMMAGINI FESTIVAL 2010
diciannovesima edizione

10.11.12 settembre

ABITARE MONDI/LIVING WORLDS
Uno sguardo sulla fotografia giovane e internazionale che interpreta il tema dell’abitare. Ormai alla soglia del ventennale, torna il SI Fest – Savignano Immagini Festival (www.savignanoimmagini.it), uno dei più importanti, attesi e amati appuntamenti dell’anno per il mondo della fotografia: fotografi, giornalisti, esperti, tecnici, ma anche per gli appassionati, i fotografi amatoriali, i semplici curiosi, i turisti, i bon vivant…
La 19^ edizione in programma a Savignano sul Rubicone dal 10 al 12 settembre 2010 (con mostre aperte fino al 3 ottobre) è stata presentata stamane dal Sindaco di Savignano sul Rubicone Elena Battistini e dall’Assessore alla Cultura Antonio Sarpieri. Con loro Paola Sobrero, Direttore dell’Istituzione Cultura Savignano, Mario Beltrambini, Presidente del Circolo Fotografico “Cultura e Immagine” e Angela Gorini, Coordinatrice di Savignano Immagini.
Principali protagonisti di questa edizione saranno il sudafricano Roger Ballen con la mostra Boarding house, l’americano Mark Steinmetz con South, il danese Joakim Eskildsen con The Roma journeys, l’inglese Simon Roberts con We english… Presenze di primo piano che invitano ad uno sguardo allargato oltre ai confini nazionali per riflettere sul significato di Abitare mondi/Living World. Esporrà a Savignano anche il grande critico e storico, oltre che fotografo, Italo Zannier con 1957-2007. Dagli interni friulani al kitsch nelle città. Altro italiano presente al Si Fest, Cesare Cicardini con Le Forme dell’invisibile.
Gli autori interpretano in modo vario il tema dell’abitare: critica al progresso (l’americano Marc Stenimetz), dal punto di vista degli emarginati (nel lavoro sui Rom del danese Joakim Eskildsen), come sguardo sulle realtà degradate (quello del sudafricano Ballen), sulla povertà contadina degli anni ’50 (nell’opera di Zannier) o sulla condizione dei senza tetto (Cicardini) oppure ancora sottolineando lo spirito inglese nella banalizzazione del divertimento di massa (Roberts). Quasi che siano, queste interpretazioni offriranno ai visitatori molti spunti di riflessione personale.
Il tema suggerito assume un sapore trasversale, dall’attraversamento della dimensione fisica personale, del corpo individuale, il tema si accosta alla descrizione della spazialità domestica dell’abitare per giungere alla narrazione dei luoghi collettivi intesi come declinazione naturale del concetto di comunità. Identificarsi e affermarsi nell’immediato presente o cercare fiduciosamente uno spazio nella complessità del mondo? Attraverso la manifestazione di un radicamento atavico o la ricerca incessante di una posizione in costante movimento il soggetto tesse relazioni con l’ambiente e con l’altro da sé. Si Fest 2010 rappresenta la sede privilegiata per esprimere l’eterogeneità del vasto sistema di relazioni che, nel contemporaneo, sono indicative della posizione che occupiamo e della nostra capacità innata di insediarci.
Le varie proposte in programma si snoderanno secondo l’ormai tradizionale lettura dei portfolio, cui si affiancheranno le mostre, i premi dedicati alla giovane fotografia, i seminari, le occasioni di approfondimento con gli incontri e conversazioni. L’edizione 2010 si presenterà con 16 mostre di cui 3 collettive In totale saranno 45 gli autori presentati; 8 proiezioni di video d’autore; 11 spazi espositivi che oltre ai luoghi storici (Consorzio di Bonifica, Galleria Vicini-Zanotti, Monte di Pietà) quest’anno comprendono gli spazi dell’Opera Don Baronio in Borgo San Rocco. I confini del SI FEST si allargano anche ai comuni vicini con una mostra alla Fondazione “Tito Balestra” di Longiano e una mostra alla Sala delle Tinaie di Villa Torlonia di San Mauro Pascoli.
Corposa la sezione di produzioni in proprio che dal 2007 segnano l’apertura di un nuovo fronte per l’attività di Savignano Immagini e che vale la pena riepilogare: il censimento in immagini (a cura del Leone d’Oro per la Fotografia alla Biennale per la Fotografia di Venezia Malick Sidibé nel 2007, Marina Alessi e Mario Cresci nel 2008, Simona Ghizzoni e Franco Vaccari nel 2009); Sin_tesis progetto di ricerca promosso con la Facoltà di Architettura “Aldo Rossi” di Cesena – DAPT di Bologna sul tema del rapporto tra il territorio e gli insediamenti produttivi (nel 2009 i temi erano l’industria, la fabbrica; gli autori Marco Zanta e Martin Parr. Nel 2010 il fotografo Andrew Phelps ha lavorato sui luoghi dell’agricoltura e della produzione e commercializzazione dei prodotti tipici del territorio. Il prossimo autore sarà l’americano Mark Steinmetz); Global Photography, collettive dedicate alla giovane scena fotografica internazionale per le quali sono stati individuati giovani talenti provenienti da tutto il mondo.
Da segnalare, all’interno del programma, il progetto speciale video proiezione dello shotting di Martin Parr realizzato nel settembre 2009 presso i più importanti marchi calzaturieri del distretto e il progetto SI FEST OFF, versione “underground” della manifestazione ufficiale a cura del Circolo Fotografico “Fotografia e Immagine” con un programma parallelo di mostre, esposizioni estemporanee, performance, attività che si concentrerà soprattutto nel Borgo San Rocco. Infine, le opportunità di vivere la città, il centro storico, i ristoranti e i locali per l’aperitivo serale, gli eventi della Notte bianca per la fotografia. Dalle ore 20 di sabato 11 settembre le piazze del centro storico ospiteranno spettacoli musicali, fra i quali il concerto conclusivo in Piazza Borghesi degli Apples Pies con un tributo ai Beatles.
Il programma è a cura del Comitato di Savignano Immagini. Ne fanno parte l’Assessore alla Cultura del Comune di Savignano Antonio Sarpieri, il Direttore di ICS Paola Sobrero, il Presidente del Circolo Fotografico “Cultura e Immagine” Mario Beltrambini, Massimo Sordi e Stefania Rössl della Facoltà di Architettura “Aldo Rossi” di Cesena, Stefano Bellavista già direttore organizzativo del SI FEST e Angela Gorini Coordinatrice di Savignano Immagini.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: