3 giorni della valtellina 2010 – finalmente il resoconto

3 giorni della valtellina ... che spettacolo!

3 giorni della valtellina ... che spettacolo!

Meglio tardi che mai! Questo potrebbe essere l’inizio adeguato per questo resoconto che arriva con un mese di ritardo.
Ma procediamo con ordine … rewind!

Devo ammettere che anche questa volta mi sbagliavo.
Preso (melgio sarebbe dire travolto) dagli impegni lavorativi e familiari ho vissuto la partenza per Bormio il giovedí sera con un po’ di sbattimento. L’idea di passare 3 giorni in giro per le montagne con tutto quel che avevo da fare a casa non mi sembrava una grande pensata.

Cosí, infranta la velocitá del suono, sono arrivato incredibilmente per tempo al briefing ed ho incontrato gli amici del Moto Club Valtellina e i fidi aiutanti del Valli del Canavese. Saluti di rito, un paio di battute, qualche simpatica gag con una palla ciondolante (questa la capiranno in pochi ma mi rifiuto di parlarne pubblicamente :)) … le solite cose insomma … pronto per andare a letto.

Dopo il salto potete leggere il resto … 🙂

Ma ecco che da subito arrivano le prime sorprese. Faccio la nuova (e poi scopriró graditissima conoscenza) di Macci, un senese pazzo che si é sparato una mega trasferta per essere presente, e di Silvano, una persona a prima vista troppo posata per far parte di una banda di matti come noi. Tra una chiacchiera e l’altra mi ritrovo a fare da cicerone (come al solito non so quanto gradito data la mia rinomata logorrea) tra i pub di Bormio(2), dove si ritrovano adolescenti senza pensieri a passare rumorosamente le loro serate. Ci sediamo a bere un birrino e da subito si instaura un clima da vecchi amici. Mi dirigo con gli occhi socchiusi verso casa e svengo nel mio bel sacco a pelo vinaccia pensando che una delle poche volte in cui sono in montagna, da solo, senza bimbe, dovró alzarmi all’alba per 3 giorni di fila.

E puntualmente dopo poche ore suona la sveglia … il tempo non promette nulla di buono ma si parte! Inizia la 3 giorni della valtellina, edizione 2010.

macci, vanni, silvano e vanni (con un'espressione lucidissima) la mattina presto

macci, vanni, silvano e vanni (con un'espressione lucidissima) la mattina presto

Arrivo alla partenza, colazione, vestizione, quattro chiacchiere e si parte … l’umore é buono e il gruppo ben assortito … ma la prima giornata riserva un tempo infame e mi ritrovo a passare un’ora a 2000 metri in mezzo ad un temporale.

verso il passo verva ... in mezzo al temporale

verso il passo verva ... in mezzo al temporale

temporale

temporale

Arrivo al rifugio bagnato e infreddolito come un pulcino.

pranzo al rifugio ... facce "provate"dal freddo e dalla pioggia

pranzo al rifugio ... facce "provate"dal freddo e dalla pioggia

Pranzo goliardico e lenta ripartenza verso la seconda parte della gioranta. Ci tocca fare da scope. E cosí tra sentieri bagnati, nuvole basse e freddo pungente porto in salvo un po’di moto e di tedeschi perditempo.

solo in questo punto ho raccattato 7 moto

solo in questo punto ho raccattato 7 moto

Giunto a valle un po’in sbattimento, stanco morto e a causa di un piccolo malinteso, decido di aggregarmi a Silvano (motorial.it) e tornarmene alla partenza e di li di corsa a casa per una doccia. Giusto il tempo di tirare il fiato e mi arriva una telefonata di Gionata che in modo molto velato mi ricorda i miei compiti, le mie responsabilitá e per punizione per aver abbandonato il gruppo anzitempo mi affida il ruolo di apripista e scopa per il giorno seguente. Ci troviamo tutti a cena e tra risate e sbadigli ci prepariamo ad andare a nanna per il giorno successivo.

Il secondo giorno inizia con tempo incerto ma per fortuna non piove e da metá giornata in poi il sole ci degna della sua presenza. La zona a cui sono stato assegnato si trova appena sotto l’ultima salita verso la bocchetta sopra la frana. Un posto veramente spettacolare.

panorama della "mia" zona al passaggio dei mountaintrial

panorama della "mia" zona al passaggio dei mountaintrial

Il giro prosegue ed é veramente entusiasmante, proprio come piace a me. Il fatto di fare la scopa mi permette di procedere con tranquillitá. di godermi tutti i passaggi ed i paesaggi e di scattare qualche foto.

Arriviamo alla zona di Macci e ci fermiamo a giocare un po’ su dei fantastici sassi con un grip eccezionale … ma visto il fantastico posto in cui ci troviamo non ci lasciamo scappare un momento di relax.

relax in quota dopo aver giocato sui sassi

relax in quota dopo aver giocato sui sassi

Arriviamo a pranzo tardissimo e nonostante qualche piccolo problema tecnico alla mia Montesa chiudiamo la giornata a sera tarda. Ancora doccia, cena in compagnia e pronti per la domenica.

Il giorno piú panoramico ci riserva due nuove sorprese. Un bel sentiero per salire alle piste di Oga e un ultimo sentiero decisamente “tosto” nel sottobosco sopra isolaccia prima del rientro per le premiazioni.

Sono andato volutamente molto veloce sul racconto dei 3 giorni per piú di un motivo:

  1. potete leggere un resoconto dettagliato e vedere le gallerie fotografiche complete su mototrial.it, sul sito ufficiale del moto club valtellina (le foto su valtellinatrial sono le mie :))e nei racconti degli appassionati
  2. e’ passato un mese la mia memoria da bradipo mi impedisce di ricostruire tutti i dettagli
  3. ho un piano malvagio di riserva

Una rapida rassegna di QUELLO CHE MI É PIACIUTO e QUELLO CHE NON MI É PIACIUTO di questa edizione della 3 giorni della valtellina.

Si parte!

QUELLO CHE MI É PIACIUTO DELLA 3 GIORNI DELLA VALTELLINA 2010

  • il gruppo del MC Valtellina é veramente unico! L’ho giá detto e lo ripeto: per me é un onore, oltre che un piacere, far parte, seppur il mio apporto sia limitato, di un gruppo di persone cosí speciali. Lavorare con voi é sempre un piacere, anche quando si fatica, anche di fronte ai problemi. Grazie!
  • la 3 giorni. Se possibile ci si é superati ancora una volta. Il numero dei partecipanti, le presenze internazionali (vedi Eddy Lejeune e famiglia dal Belgio e  Greenwood Nigel dall’inghilterra), i nuovi sentieri, l’organizzazione impeccabile, lo spirito dei partecipanti. Tutto ció che rende unica questa manifestazione.
  • i nuovi ed i vecchi amici, la piacevole compagnia di Silvano lungo i sentieri, il Bonzo (una persona speciale), Macci, il Cassio, Ugo, Vanni, Albert e tutti gli altri.
  • la Valtellina … che posti ragazzi … e che spettacolo essere accolti in questo modo, piú di 300 moto (abbondantemente di piú tra partenti e membri dell’organizzazione)
  • il Braulio … soprattutto il sorbetto al Braulio
  • il mitico Stornello di Paolo Stangoni …
  • Fabio Lenzi che cucina il pesce alla griglia fuori dal camper dopo la gara (qui vorrei aprire una parentesi ma mi conterró. Bravo Fabio, mi é piaciuto molto ancora una volta il tuo modo di fare. Intanto sei venuto, cosa che altri non hanno fatto, hai fatto il tuo lavoro con la professionalitá assoluta che ti contraddistingue e ti sei rilassato tra tutti i trialisti finita la gara … questo é un buon esempio … altro che camion ufficiali scintillanti)
  • lo spirito dei partecipanti (diciamo la maggior parte) … tutti a Bormio per il trial, nella sua accezione piú pura e vera, per divertirsi e stare in compagnia
  • gli scoiattoli lungo i sentieri
  • la mia fida 315

QUELLO CHE NON MI É PIACIUTO DELLA 3 GIORNI DELLA VALTELLINA 2010

  • i rompi palle. Pochi per fortuna.
  • quello che guida di merda, abbatte la bandierina e poi si lamenta perché gli regali un 3 … secondo lui sei un incapace perché in una piega del regolamento c’é una clausula per cui lui ha ragione e tu no. Stai a casa la prossima volta per favore.
  • quelli che si lamentano sempre, con tutti e per qualsiasi motivo (vedi il numero 107 che il sabato mi ha fatto veramente incacchiare e che poi si é riveduto e la domenica sembrava un agnellino) … pensaci bene per il prossimo anno e se non hai voglia … stai a casa per favore.
  • quelli che nonostante le mille raccomandazioni (nei mesi prima sui forum di settore, la sera del briefing, la mattina della partenza …) partono senza benzina e senza attrezzi e una volta rimasti a piedi a 2 ore dalla civiltá pretendono ancora di aver ragione.
  • e infine la cosa che piú non ho gradito … lasciare Bormio la domenica dopo la premiazione, cosí, di fretta e accorgersi che tutto é giá passato, tutto é stato, tutto é volato. Lasciare Bormio con la malinconia, come quando saluti gli amici dopo una bella vacanza al mare da ragazzino e sai che dovrai aspettare un intero anno per ritrovarli. E ti rimangono negli occhi le giornate, i momenti, le risate, le chiacchiere, le sensazioni spesso difficili da spiegare e da raccontare.
mucca modella in quota

mucca modella in quota

backstage mucca modella in quota

backstage mucca modella in quota

Grazie di cuore a tutti e arrivederci alla prossima edizione!

Annunci

Tag:, ,

2 responses to “3 giorni della valtellina 2010 – finalmente il resoconto”

  1. cassio says :

    quando vedi i rompicoglioni ridigli in faccia ..

    funziona!

  2. MACCI says :

    snif snif snif… c’è nessuno che ha un fazzolettino??.. snif snif 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: