come ti spiego che cos’è l’AMORE …

Tu sei un cucciolo delicato e confuso. La tua potenza ti sia sempre guida nel cammino della tua vita Betta.

Oggi sei il mio cucciolo delicato. Che la tua straordinaria limpidezza d’animo ti accompagni sempre Betta.

IMG_1691-2

Quegli occhi parlando di te, della tua meravigliosa sensibilità, della gioia che hai nel cuore. Sii quello che sogni Ele. Puoi.

… l’amore è quel qualcosa che ti fa stringere la gola dalla felicità quando vedi in loro la vita che esiste semplice, potente, meravigliosa.

Annunci

Tre giorni valtellina 2014: tel giuuuri, il Dahu esiste davvero!

Difficile trovare parole non banali per descrivere questa Tre Giorni 2014. Un capolavoro di gioia e di amicizia prima di tutto. 400 partenti sono un record ma chi non c’è stato non può capire.

Qui c’è il trial e c’è l’amicizia. Qui ci sono persone che da anni tornano per stare insieme e tanti, veramente tanti, che arrivano dopo aver visto negli occhi di chi ha partecipato una soddisfazione ed una gioia incredibile.

E’ stato davvero divertente ed emozionante … ho conosciuto tante persone nuove, ascoltato racconti di vita e portato a casa tantissimo anche questa volta.

Ringrazio gli amici con cui ho passato giornate indimenticabili e con cui ho riso come da tanto non mi succedeva.

Per me questa Tre Giorni è stata veramente importante.

Grazie Cassio per avermi portato qui … lo sai che ti sono riconoscente per questo.

Grazie a Gionata perchè senza di te, la tua capacità e la tua ostinazione tutto questo oggi non ci sarebbe.

Grazie a Toni, Toppi, Silvano, Roberto, Andrea, compagni meravigliosi lungo i sentieri.

Grazie a Giancarlo (Bonzo) per essere una persona speciale e per avermi fatto conoscere il Dahu … prometto che diffonderò il verbo!

Grazie a tutti i compagni di viaggio … ancora una volta insieme, ancora una volta da RECORD …. tel giuuuuri!!!!!

P.S. In bocca al lupo Silvano … il prossimo anno vediamo chi fa la Forcola con meno piedi 😛

tre giorni valtellina 2014 - pronti a partire

tre giorni valtellina 2014 – pronti a partire

tre giorni valtellina 2014 - benvenuti in Valtellina

tre giorni valtellina 2014 – benvenuti in Valtellina

tre giorni valtellina 2014 - sulla vecchia strada della frana

tre giorni valtellina 2014 – sulla vecchia strada della frana

tre giorni valtellina 2014 - Cepina

tre giorni valtellina 2014 – Cepina

tre giorni valtellina 2014 - arrivo a Bormio

tre giorni valtellina 2014 – arrivo a Bormio

tre giorni valtellina 2014 - ancora una volta insieme

tre giorni valtellina 2014 – ancora una volta insieme

tre giorni valtellina 2014 - montesa riposa nella neve

tre giorni valtellina 2014 – montesa riposa nella neve

tre giorni valtellina 2014 - felice :)

tre giorni valtellina 2014 – felice 🙂

tre giorni valtellina 2014 - Bormio 3000

tre giorni valtellina 2014 – Bormio 3000

tre giorni valtellina 2014 - Santa Caterina

tre giorni valtellina 2014 – Santa Caterina

tre giorni valtellina 2014 - Rifugio Restelli

tre giorni valtellina 2014 – Rifugio Restelli

tre giorni valtellina 2014 - in mezzo alle nuvole

tre giorni valtellina 2014 – in mezzo alle nuvole

tre giorni valtellina 2014 - in mezzo alle nuvole

tre giorni valtellina 2014 – in mezzo alle nuvole

tre giorni valtellina 2014 - in cima alla forcola

tre giorni valtellina 2014 – in cima alla forcola

tre giorni valtellina 2014 - sentiero bellissimo

tre giorni valtellina 2014 – sentiero bellissimo

tre giorni valtellina 2014 - sempre più alti

tre giorni valtellina 2014 – sempre più alti

tre giorni valtellina 2014 - bello caldo stamattina

tre giorni valtellina 2014 – bello caldo stamattina

tre giorni valtellina 2014 - Bormio piccola piccola

tre giorni valtellina 2014 – Bormio piccola piccola

tre giorni valtellina 2014 - sul tetto del mondo

tre giorni valtellina 2014 – sul tetto del mondo

tre giorni valtellina 2014 - festa

tre giorni valtellina 2014 – festa

tre giorni valtellina 2014 - i miei simpatici compagni di stanza

tre giorni valtellina 2014 – i miei simpatici compagni di stanza

Tre giorni valtellina 2013: fuckin’ hard work for fuckin’ hard men!

Ragazzi, non ho molta voglia di scrivere un “post” pensato … sono appena rientrato da Bormio e sono nel solito stato confusionale. Un po’ stanco, un po’ “triste” perchè è già finita, un po’ frastornato dal rumore del contesto urbano in cui mi trovo. Mi giro e mi mancano le montagne, mi mancano le nuvole, mi mancano le risate, gli sguardi di intesa con cui per tre giorni abbiamo fatto girare tutto a perfezione. Mi giro e vedo le pareti, le macchine, la gente a testa bassa immersa nella quotidianità.

Mi ci vorrà un po’, come al solito.

Intanto ho appena finito di preparare le foto per il sito valtellinatrial.it e mi sono rituffato per qualche ora nella Tre Giorni 2013.

Ho passato ancora una volta tre giorni meravigliosi in compagnia di AMICI speciali. Persone semplici, oneste, testarde, determinate … trialisti veri insomma e con loro ho potuto godere di un trial vero, sano, duro, speciale!

Grazie ragazzi, ho fatto una bella scorta di emozioni.

Di seguito un po’ di immagini scattate con il telefono in questi giorni … per le foto “ufficiali” vi rimando al sito e al racconto di Silvano su mototrial.it

Un ringraziamento speciale a Nobili Gierri Riciard per le notti in bianco allietate dal suono del suo russare melodioso! Mi mancherà parecchio! (te possino!!!!!! :))

Adesso sotto con il 2014 … sempre più in alto 🙂

arrivo a Bormio

arrivo a Bormio

la forcola ... una faticata

la forcola … una faticata

ultime curve della forcola

ultime curve della forcola

passo forcola 2208 mt.

passo forcola 2208 mt.

sotto al temporale

sotto al temporale

montesa in posa

montesa in posa

natura incontaminata

natura incontaminata

freschino da queste parti

freschino da queste parti

salendo a 3000 mt - Bormio

salendo a 3000 mt – Bormio

lasciatemi qui ... non voglio più tornare

lasciatemi qui … non voglio più tornare

incontri salendo a 300 mt

incontri salendo a 300 mt

Bormio 3000

Bormio 3000

la mia zona del sabato

la mia zona del sabato

meraviglia

meraviglia

la frana sopra Cepina

la frana sopra Cepina

Crus de l'alp

Crus de l’alp

benedizione in quota

benedizione in quota

visioni da stanchezza

visioni da stanchezza

hard della domenica

hard della domenica

arrivati in paradiso

arrivati in paradiso

vista sui laghi di Cancano

vista sui laghi di Cancano

auguri Gionata

auguri Gionata

Calabrone in volo tra i passi alpini!

Campanile e Grigna a Introbio

Campanile e Grigna a Introbio

Partenza sabato mattina da Introbio (LC) per una bella avventura in sella al calabrone. Nessun piano definito, solo voglia di viaggiare in una splendida giornata estiva a caccia di panorami, curve e aria buona.

Direzione Valtellina per cominciare, percorrendo il lungolago di Lecco tra vento e colori intensi.

Colazione a Piona

Colazione a Piona

Dopo una sosta a Sondrio presso Moda Moto per un cambio casco e per recuperare una comoda borsa magnetica da serbatoio, abbiamo passeggiato lungo la soleggiata Valtellina in direzione Bormio. Finalmente, dopo molti anni, è stata riaperta la vecchia strada per Bormio, un piacere assoluto da percorrere in totale relax.

Arrivo al passo dello Stelvio

Arrivo al passo dello Stelvio

Un panino di segale con bresaola e funghi porcini e via verso il Passo dello Stelvio, un superclassico motociclistico che ancora mi mancava (fatto mille volte in macchina ma in moto mai! … lo so … è imperdonabile ma piano piano sto recuperando :)). Un caffè caldo sul tetto delle alpi in compagnia di moltissime moto, immersi in uno scenario molto suggestivo.

Caffè allo Stelvio

Caffè allo Stelvio

Discesa verso Merano con gli occhi sgranati. La bellezza qui è abbagliante!

La discesa verso Merano

La discesa verso Merano

Il ghiacciaio si ritira

Il ghiacciaio si ritira

Merenda a Merano (non c’ero mai stato ma non l’ho sinceramente compresa … sembra un misto tra monaco e riccione … mah …) e poi alla scoperta del passo Palade, una delle più belle strade motociclistiche che io abbia mai fatto. Risalendo la Val di Sole decidiamo di passare la notte a Peio, prima di affrontare il passo del Tonale.

Non ho capito questa città :(

Non ho capito questa città 😦

Vista spettacolare in una delle tante belle curve del passo Palade

Vista spettacolare in una delle tante belle curve del passo Palade

Salire al passo del Tonale è stato un vero spasso … abbiamo “grattato” per bene … estasi pura!

Arrivo al Tonale dopo qualche km di curve meravigliose

Arrivo al Tonale dopo qualche km di curve meravigliose

Colazione a Ponte di Legno (il Tonale è un posto che non mi è mai piaciuto e dopo anni riconfermo la sensazione), discesa ad Edolo e Aprica per rientrare verso “casa”.

Lungolago da Colico fino a Varenna e per chiudere in bellezza (stanchi ma felici) salita a Esino Lario e passo del Cainallo, con la sua splendida vista su Bellagio e il lago.

Un’esperienza meravigliosa, oggi le pareti non riescono a contenere l’ampiezza che ho dentro.

Nota da ricordare: come mai in alto adige e in trentino non c’è una buca nell’asfalto? Appena scollinato il Tonale e rientrati in Lombardia sembrava di essere su una strada sterrata … tra fossi, rattoppi, lavori in corso … non comprendo a pieno onestamente

Non mi abituerò mai …

le mie cucciole

le mie cucciole

a stare lontano da voi …

La meraviglia …

sorelle - luglio 2012 - valsassina

sorelle – luglio 2012 – valsassina

sorelle – luglio 2012 – valsassina

facciamo il punto …

Da dove tutto ebbe inizio … 😉

Dove sono? Cosa faccio? Come farò?

Non ho ben capito cosa è accaduto intorno a me nell’ultimo lungo periodo e questi ultimi giorni, prima di una “vacanza” che attendo da 2 anni, sono la massima enfatizzazione di tutto ciò (la frase contorta è chiaro indice del mio livello di rincoglionimento).

Devo partire tra poche ore e come al solito (anzi peggio del solito visto che devo pensare anche alle mie cucciole) non ho la più pallida idea di cosa metterò in valigia (ma ce l’ho poi la valigia? :O)

Ma la notizia bella c’è (anche se non sembra) … stavolta in vacanza ci vado davvero e soprattutto ne sento un gran bisogno … sai mai che qualcosa si sia veramente riallineato nella mia testolina.

In più ad accogliermi c’è la mia amata valle … modesta e splendida per chi la sa comprendere. Non è una valle “bella, bella in modo assurdo” ma è una valle autentica.

Ed è un altro importante passo, un’altra importante pietra, nel cammino che sto percorrendo. Questo mi entusiasma, mi confonde, mi emoziona …

Signori, non so se l’avete capito … FANCULOOOOOOOOOOO!!!!!! … me ne vado da qui … ci si rilegge a fine agosto … di ritorno dalla 3 giorni della valtellina 2012 … che sarà sicuramente un’esperienza sensazionale (per chi fosse interessato www.valtellinatrial.it).

Ciao Ciao

Non ci posso credere :(

Credo che il trial sia una splendida palestra di vita. Grazie Diego per tutto quello che hai fatto per questo sport.

Credo che il trial sia una splendida palestra di vita. Grazie Diego per tutto quello che hai fatto per questo sport.

Era un pomeriggio del 1990 … passeggiando per Bergamo alta insieme a mio cugino (in visita dalla capitale) entrammo in un negozio di abbigliamento. Avevo 15 anni e mi muovevo nel negozio con quel fare “spavaldo” tipico dei ragazzini in gita fuori dai propri confini.

Ad un certo punto, a ridosso di un camerino, vedo appeso un bel poster (almeno un 70*100 direi dai miei ricordi) di Diego Bosis. La mia passione per il trial era già altissima per motivi che non starò qui a spiegare in questo momento.

Sorpreso da quella insolita immagine in un negozio fighetto del centro mi rivolgo, sempre con fare “spavaldo”, alla commessa e chiedo:

“ah … come mai hai un poster di Diego Bosis in negozio (sottointendendo … povera stolta … cosa vorrai mai capire tu di trial)?” … e lei mi risponde con perfetta cadenza bergamasca “perchè è mio fratello!”.

La motivazione c’era … e su questo non si discute. Credo di aver cambiato più volte colore per la vergogna e nel pieno imbarazzo di quel momento rimasi senza parole.

Ma ci pensò lei prima ad assestare un altro bel colpo e poi a togliermi dai guai, in un modo che difficilmente dimenticherò e che oggi, in questa triste giornata, voglio ricordare.

Mi disse: “perchè … lo conosci?” … e io ovviamente “beh … no … cioè … nel senso … so chi è perchè anche io faccio trial … ” (che è un po’ come dire beh si conosco Senna perchè ho la patente dell’auto per capirci).

Diego in quegli anni era un idolo per tutti quelli che conoscevano e praticavano il trial.

Continuò poi: ” … sai … domani a Fanano c’è il mondiale … perchè non vieni così lo saluti?”

In quel momento mi si “spense il mondo intorno”. Avevo più di un problema:

  1. non avevo idea di dove fosse fanano
  2. non ero automunito
  3. e che cacchio avrei detto a Diego una volta arrivato la?

Beh … salutai con il poco fiato che mi rimaneva e mi avviai verso casa in uno stato confusionale. (so che può sembrare retorico e un po’ esagerato ma arrivare ad un passo da un tuo idolo non è cosa da tutti i giorni).

Quello che successe dopo non lo ricordo nei dettagli ma suppongo di aver frantumato le palle talmente tanto a mio padre  (a quel grande uomo di mio padre a dirla tutta) che la mattina dopo all’alba eravamo in macchina per una località non meglio identificata ad una distanza non meglio precisata (il navigatore non era ancora stato inventato :)).

Quell’esperienza mi è rimasta tatuata nel cuore ed è in quell’occasione che ho conosciuto Diego Bosis.

Non posso ne voglio fare la figura di quello che era amico … io lo conoscevo semplicemente. Ci siamo incrociati più volte negli anni in più occasioni. Giusto un saluto da sotto la visiera e uno scambio di battute trialistiche … nulla più. Per me, come per molti, è semper stato un idolo e avvicinandolo è diventato anche un fantastico esempio da seguire.

Ricordo in una delle ultime edizioni della 3 Giorni Valtellina come mi sono trovato a dire ai miei compagni ” … cazzo ragazzi … ma l’avete visto Bosis? Sta facendo una gara per passione e ci mette tutta la determinazione che ha quando è in zona. Ma appena esce ritorna sereno e gioviale, sempre rispettoso anche dell’ultimo dei giudici come me, sempre pronto a scambiare una battuta o a confrontarsi con gli avversari … questo è quello che io voglio vedere nel trial!”

Beh … non so se l’avete capito. Oggi Diego Bosis ci ha lasciati. E’ stata la prima notizia che mi è arrivata stamattina, mentre nel letto con la febbre, cerco di ripigliarmi.

Mi è rimasta addosso tutto il giorno e leggo ovunque tra gli amici e i conoscenti del mondo del trial affetto e sgomento.

Sarà … ma a me non va proprio giù.

Grazie Diego … per la passione che hai alimentato in me quando ti seguivo da fan e per la cortesia che mi hai trasmesso quando ti ho incontrato di persona.

E un’ultima cosa … quel muro a Fanano io non me lo dimenticherò mai!

Un abbraccio alla famiglia. 😦

Evoluzione … quanto mi costi!

20120206-210717.jpg

Andando oltre al significato letterale (anche se assolutamente e drammaticamente veritiero) del titolo di questo post, mi piace lasciare traccia qui di  questi giorni incredibili.

Gli scenari evolvono. Velocemente e con una potenza che non avrei mai immaginato. Sono malato in questi giorni e come mi dice qualcuno non è un caso. Non è solo il freddo improvviso, non sono le sollecitazioni a cui sottopongo costantemente (e con grande soddisfazione) il mio bel corpicino … c’è parecchia tensione dentro e fuori …

Domani è una giornata importante. Colma di tristezza e di attesa. E’ una formalità di fatto ma mette un prima pietra su tutta questa storia … devo dire onestamente … NON MI PIACE … ma è un passo inevitabile.

Avanti … seguiamo questo percorso e vediamo dove porterà … di sicuro in un modo o nell’altro prima o poi ritorneremo in superficie.

Il pensiero va alle mie principesse … tanto di bello vi attende … abbiate fede!

Quello che rimane …

quello che rimane ...

Ieri … un momento da ricordare … non bello certo, non desiderato … ma che segna a fuoco il cammino.

Triste, quasi squallido … in uno studio che puzza di morte … con dei burattini inariditi che recitano inconsapevoli il copione a loro assegnato. Ma come ti sei ridotto Daniele? 😮 … che cazzo ti è successo? … mamma mia … ho sbagliato tante volte e tante volte ancora conto di farlo … ma spero di non smettere mai di respirare l’aria fresca dei miei monti, di aver voglia di correre per i sentieri di un bosco e di guardare il mondo con lo stupore di un bambino …

Ora avanti … con entusiasmo e fiducia!!! … vediamo un po’ cosa accadrà!

E’ arrivato lo “zio bello” e con lui anche la neve che tanto si è fatta attendere … ma quante ne sa sto ragazzaccio!!!

Si prevedono delle settimane “intense” … piuttosto che sbattere soldi in avvocati stavolta giuro che me li godo tutti!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: